OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby
locandina di "A Sud di Lampedusa"

Cast


Soggetto:
Andrea Segre
Stefano Liberti (Collaborazione)
Ferruccio Pastore (Collaborazione)

Sceneggiatura:
Andrea Segre

Musiche:
Goeffry Oryema
Maddalena Grechi (Supervisione)
Fela Kuti
Femi Kuti

Montaggio:
Andrea Segre

Fotografia:
Andrea Segre

Produttore:
Andrea Segre

Riprese:
Andrea Segre

A Sud di Lampedusa


Regia: Andrea Segre
Anno di produzione: 2006
Durata: 31'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: Zalab, Cespi - Centro Studi Politiche Internazionali, SID - Society for International Development
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: Mini DV
Formato di proiezione: Mini DV, colore
Titolo originale: A Sud di Lampedusa
Altri titoli: South to Lampedusa

Recensioni di :
- "A Sud di Lampedusa", da dove vengono gli emigrati africani?

Sinossi: I camion che attraversano il deserto del Teneré; le agenzie di viaggio che da Agadez, nel nord del Niger, organizzano i passaggi; ma soprattutto i rimpatri coatti effettuati dalla Libia sotto le pressioni europee.
Questo film racconta la faccia nascosta di un'emigrazione di cui noi spesso vediamo solo l'ultima tappa, lo sbarco nell'isola di Lampedusa.
Chi sono questi candidati all'emigrazione? Da dove vengono? E soprattutto, perché emigrano? Girato nel deserto del Sahara nel maggio del 2006, “A Sud di Lampedusa” racconta il vissuto di questi africani in fuga dai loro paesi, per scelta, per disperazione o semplicemente per voglia di avventura

Ambientazione: Deserto del Teneré / Niger

Periodo delle riprese: Maggio 2006

"A Sud di Lampedusa" è stato sostenuto da:
Ministero degli Affari Esteri (Sviluppo e gestione sostenibile dei flussi migratori provenienti dall’Africa)


Libri correlati:
"A Sud di Lampedusa. Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti"
di Stefano Liberti, 198 pp, Minimum Fax, collana Indi, 2008
Stefano Liberti è uno dei pochissimi giornalisti italiani che da anni seguono gli aspetti meno conosciuti dei movimenti migratori dall'Africa verso l'Europa: tutto ciò che accade a sud di Lampedusa. Senza fidarsi dei luoghi comuni o lasciarsi abbindolare dai proclami sull'integrazione che verrà, ha scelto di esplorare con i propri occhi la "geografia del transito" tra il Sahel e il Maghreb. Ha incontrato migranti che preferiscono chiamarsi avventurieri, politici africani sudditi dei diktat europei, indiani bloccati in mezzo al deserto e piccole città sorte dal nulla: tutta fintate umanità che vive attraversando o presidiando confini.
prezzo di copertina: 14,00


Note:
La versione breve del documentario dal titolo "Sahara, Andata e Ritorno" di 15' ha vinto nel 2006 il Premio "Claudio Accardi" e nel 2007 il festival Fresh Looks della NewYorkUniversity e il Premio "Saad Zaghloul".

Video


Foto