Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby
locandina di "Footballization"

Cast


Soggetto:
Stefano Fogliata

Sceneggiatura:
Stefano Fogliata

Montaggio:
Francesco Agostini

Fotografia:
Francesco Agostini

Produttore Esecutivo:
Francesco Furiassi

Animazioni:
Francesco Zanotti

Riprese:
Edoardo Montaccini

Riprese:
Francesco Agostini

Riprese:
Davide Lomma

Riprese:
Davide Olivi

Riprese:
Carlo Mariani

Footballization


Regia: Francesco Furiassi, Francesco Agostini
Anno di produzione: 2018
Durata: 77'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia/Libano/Palestina
Produzione: Tr3sessanta Associazione
Distributore: Mescalito Film
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: Footballization

Sinossi: "Ogni bambino nel campo non ha in mente altro che il calcio. Tutta la mia vita in Siria ruotava attorno al pallone". Louay, Yazan e Rami sin da piccoli giocavano insieme sui campi da calcio del campo palestinese di Yarmouk, in Siria. Con l'intensificarsi del conflitto attorno a Damasco, hanno lasciato la Siria per trovare riparo in Libano, nel campo di Borj-el Barajneh alla periferia di Beirut.

Da un campo all'altro, da una squadra all'altra. I 3 si sono ritrovati insieme nei ranghi dell'Al-Aqsa, la squadra palestinese simbolo del campo di Borj-el Barajneh. Un vero e proprio laboratorio multi-etnico e multi-nazionale, dove giocano e si allenano palestinesi-libanesi, siriani, palestinesi-siriani, libanesi e... anche un italiano!

Nella scorsa stagione l'Al-Aqsa arrivata persino a giocarsi la finale della Coppa Palestinese in uno scontro epico risolto solo ai rigori. Jamal e Nassar erano i calciatori pi promettenti della rosa, ma hanno dovuto riporre i loro sogni per via del passaporto: un rifugiato in Libano fatica a trovare spazio nella lega ufficiale!

Sono lontani i tumultuosi anni anni '70, quando il calcio palestinese "parallelo" in esilio attirava migliaia di tifosi, perch l ci giocavano i migliori calciatori del Paese. Tra di questi Jamal-al Khatib la leggende vivente del calcio palestinese in Libano: negli anni '70 la sua fama gli ha garantito 3 passaporti diversi per giocare in 3 diverse nazionali maggiori.

Ma l'unica maglia che si sente ancora addosso quella del Nejmeh, la "Juventus del Libano", con cui una settimana prima dello scoppio della guerra civile libanese (1975) ha giocato con Pel davanti a 60.000 tifosi nello Sport Centre di Beirut. Stadio che nel 1982, solo 7 anni dopo, sar raso al suolo dai bombardamenti israeliani e trasformato in base militare.

Footballization un match tra Siria, Libano e Palestina lungo un'intera stagione, dove il ritmo del calcio giocato si interseca con le storie di vita dentro e fuori dal campo.

Sito Web: https://www.facebook.com/Ijustplayfootball

Video


Foto