CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di "Il Carnevale di Dolores"

Cast

Con:
Giuseppina Coluccelli "Dolores" (Dolores)
Evio Botta (Sindaco dei Barboni)
Marcello Sediani (Barbone in Cerca di Casa)
Sebastiano Pagliuca (Funzionario INPS)
Tonina Lagualano (Studentessa Fuori Sede)
Erminio Romano (Amico di Dolores)
Jonathan (Proprietario dell’Omonimo Locale Romano)
Stefano (Senza Fissa Dimora)
Consuelo Alberti II (Ragazza Indignata)
Igor (L’Angelo Biondo)
Claudio Montuori (Buz, l'Uomo Uccello)
Giuliana Pellegrini (Volontaria presso il Centro Docce di San Martino ai Monti)
Suor Mariacarla (Volontaria al Centro Docce)
Roberta Arcangeli (Amica e Confidente di Dolores)
Nicola (Uno degli Abitanti della Casa-Famiglia “Gli Amici di Valentina”)
Isabella Massafra (Presidentessa di EMMAUS Roma)
Giuseppe Montursi (Uno degli Abitanti della Comunità Emmaus)
Mimmo Urzia (L’Uomo che chiede a Dolores dei suoi Sogni)

Soggetto:
Cristina Mantis

Sceneggiatura:
Cristina Mantis

Musiche:
Piero Ciampi
Stefano Di Battista
Nicola Stilo
Nasodoble
Figli di Jubal
Graziano Solinas
Angelo Vargiu
Andhira
Giovanni Ullu
Peppe Voltarelli
Gabriella Ferri
Vinicio Capossela

Montaggio:
Cristina Mantis
Marcellino De Baggis (Supervisione)
Filippo Mauceri (Supervisione)

Fotografia:
Cristina Mantis

Suono:
Roberta Arcangeli

Produttore:
Cristina Mantis
Filippo Mauceri
Michele Afferrante

Il Carnevale di Dolores


Director: Cristina Mantis
Year of production: 2008
Durata: 97'
Tipology: documentario
Genres: biografico/sociale
Country: Italia
Produzione: Rio Film
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Aspect Ratio: Mini DV
Formato di proiezione: Betacam SP, colore
Press office: Maria Rosaria Cerino
Titolo originale: Il Carnevale di Dolores

Storyline: Il film documentario “Il Carnevale di Dolores” inizia con una sorta di prologo, in cui Evio Botta, sulle note della canzone "Tu no", cerca in via Macrobio a Roma la casa di Piero Ciampi, un cantante-compositore ironico e trasgressivo degli anni 60/70, osannato da artisti come Tenco e De Gregori. Evio definisce Ciampi "uno di noi", e il suo ricordo è un modo per parlare dei pensieri e dei sentimenti di chi vive fuori dalle regole e dalle etichette della nostra società.
Da qui si passa alla storia dell’estrosa ed eccentrica Giuseppina Coluccelli detta “Dolores” e di tutte le sue rocambolesche vicissitudini per ottenere una casa.
Nell’arco di circa sette anni assistiamo alla sua talvolta esilarante ma di certo amara deriva, che la porta dapprima a lasciare dallo sgabuzzino di una fatiscente pensione dove riparava la notte (con l’intervento della polizia culminante nell’arresto della proprietaria) e, successivamente, alla strada... Durante il disagiato percorso, sarà facile imbattersi in una serie di “sconfinamenti” ed incontri fortuiti con chi popola il mondo sommerso dei senza dimora, in cui pure confluisce l’eco dei “nuovi poveri”, vittime del caro-affitti.
Co-protagonisti del doc ambientato quasi interamente a Roma, altri due senza dimora: si tratta di Marcello Sediani ed Evio Botta.
Il primo è un barbone alla disperata ricerca di una casa che riuscirà, con suo sommo orgoglio, ad equipaggiare alla meglio una roulotte scoperta a Ostia, in via Modesta Valenti, la strada “virtuale” creata dal comune,
Evio Botta è conosciuto come il “sindaco dei barboni” e come strenuo difensore dei suoi “cittadini” e delle sue idee sullo scollamento esistente tra lo stato e le emergenze di chi si vede negato il diritto ad abitare.
Dopo un’incursione nel Centro Docce di San Martino ai Monti dove un numero esiguo di volontari, capitanati da Suor Maria Carla, si dà da fare come può per dare ai bisognosi almeno la possibilità di farsi una doccia e cambiarsi d’abito, è proprio Evio che, nella sua invettiva contro lo stato offensivo dei dormitori, suggerisce una possibile soluzione, sostenendo la necessità di creare al più presto delle case famiglia “autogestite”, in cui ciascuno possa avere una propria camera da abitare, e portando ad esempio quanto è stato realizzato con il progetto “Gli amici di Valentina”. L'abitazione che, seppur fatiscente, offre tuttora un domicilio dignitoso a un gruppo di persone disagiate, risale infatti a un suo stesso progetto, realizzato – dopo molte battaglie – nel 1990 assieme ad Adamo Di Pippo, rappresentante della “Via Lattea Onlus”,
Da qui sembra quasi naturale il passaggio ad Emmaus, il movimento di comunità creato dall’Abbè Pierre nel lontano 1949, in cui la regola principe è la condivisione e l’auto-sostentamento attraverso un mercatino in cui merce di seconda mano, lucidata e messa a nuovo, diventa per i membri della comunità un’occupazione e il pane con cui dignitosamente nutrirsi.
Il documentario offre uno spaccato reale delle incongruenze nell’assistenza sociale, volgendo il suo sguardo sule mani legate del volontariato, la carenza di strutture per un effettivo reinserimento e sui molti luoghi comuni sui barboni, difficili da sradicare.
Su tutto, domina il filtro della coraggiosa autoironia che caratterizza le diverse persone che via via s’incontrano e che, come Dolores, anche se non risolveranno i propri problemi, manterranno sempre intatta la loro speciale capacità di astrarsi dalla loro povertà, senza mai concedere l’anima alla miseria.

Ambientazione: Roma

Periodo delle riprese: 2000 - 2007

Video


Foto