CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di "L'Urlo"

Cast

Interpreti:
Luca Magri (Paolo Caren)
Raluca Dontu (La Ragazza)
Adriano Guareschi (Poliziotto)
Baidy Kande (Poliziotto)

Sceneggiatura:
Francesco Barilli

Montaggio:
Nicola Tasso

Costumi:
Franco Setti

Scenografia:
Francesco Barilli

Fotografia:
Pierpaolo Pessini

Suono:
Nicola Tasso

Produttore:
Luca Magri
Pietro Corradi
Antonio Amoretti

L'Urlo


Regia: Francesco Barilli
Anno di produzione: 2019
Durata: 15'
Tipologia: cortometraggio
Genere: fantascienza
Paese: Italia
Produzione: Avila Entertainment
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: HD
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Studio Vezzoli
Titolo originale: L'Urlo

Sinossi: In un futuro distopico, in cui sono inibite e vietate le emozioni di ogni genere, Paolo Caren legge libri di poesia, sente musica e si innamora. La polizia di stato, per la salvaguardia del popolo si mette sulle sue tracce. Viene spiato, seguito e arrestato.

Sito Web: https://www.facebook.com/lurlofilm/

"L'Urlo" è stato sostenuto da:
MIBACT
Regione Emilia Romagna
Emilia Romagna Film Commission


Note:
Remake dell’omonimo film del 1966, ambientato in un futuro distopico orwelliano, diretto da Camillo Bazzoni, prodotto e fotografato da Vittorio Storaro, dove Barilli ricopriva il ruolo di attore protagonista.

Il progetto e la sua storia
Nel 1965, tre giovani cineasti, Bazzoni, Storaro e Barilli, reduci dal set di Prima della rivoluzione del 1964 di Bernardo Bertolucci (Barilli era il protagonista, Storaro e Bazzoni vi avevano lavorato come operatori di ripresa), scrissero un soggetto di fantascienza e, con un budget irrisorio, girarono un piccolo film tra Parma, Roma e Salsomaggiore Terme, senza immaginare che sarebbe stato destinato a divenire un film di culto.
Nel 1966 L’ Urlo debuttò al festival di Cannes godendo di un riguardevole successo, lanciando la carriera di Bazzoni, di Barilli e facendo scoprire al pubblico la straordinaria capacità visiva di Storaro, diventato uno tra i più grandi esponenti della cinematografia mondiale. Nel 1967, Storaro, al suo primo lavoro importante come direttore della fotografia, ricevette un attestato speciale per la migliore fotografia in bianco e nero dal sindacato nazionale giornalisti cinematografici ai Nastri d’Argento.
Mezzo secolo dopo, uno degli autori dell’opera originale e straordinario protagonista del corto, Francesco Barilli, ha un’idea che intende fortemente realizzare: rifare il corto aggiornandolo ai nostri tempi e alla nostra tecnologia, nella sfida di riuscire a trasformarlo in qualcosa di fortemente attuale sia artisticamente sia a livello produttivo. L’incontro con la società di produzione cinematografica parmense Avila Entertainment srl fa sì che il progetto prenda forma e si realizzi.


  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto