FilmdiPeso - Short Film Festival

CANNES 67 - Tutto pronto sulla Croisette


CANNES 67 - Tutto pronto sulla Croisette
Cannes 2014: la selezione ufficiale della 67.ma edizione stata definita audacieuse da Thierry Frmaux, dlgu gnral del Festival, in quanto accanto ai monumenti del cinema mondiale (Godard, Loach, Cronenberg, i fratelli Dardenne) d pi spazio alle dcouvertes e al cinema europeo.
Per sar arduo superare o almeno eguagliare ledizione 2013 archiviata come una delle pi valide della storia del Festival. Tra le 1800 opere visionate, Thierry Frmaux ha privilegiato le sorprese, le scoperte e i film choccanti. Per, questo lo si potr dire alla fine delledizione ! Ridotta allosso la presenza statunitense in competizione con un solo titolo The Homesman di Tommy Lee Jones, film western sulla conquista dellOvest americano.
Per il cinema anglosassone per, oltre a tre lungometraggi canadesi: Maps to the Stars di David Cronenberg, Mommy di Xavier Dolan e Captive di Atom Egoyan che promettono bene, vi la presenza di due grandi registi britannici: Mike Leigh e Ken Loach. Il primo con Mister Turner film sulla vita del grande acquarellista J.M.W. Turner e il secondo, con Jimmys Hall, biografia dellattivista irlandese James Gralton e testamento cinematografico del regista di The Wind that skakes the Barley (il vento che accarezza lerba) Palma doro nel 2006.

Il cinema asiatico, quasi scomparso dalla competizione, affida le sue chance a Due finestre di Naomi Kawase. La regista giapponese gi premiata al Festival nel 2010. I padroni di casa sono presenti con una valida quaterna di film alla ricerca di premi: Sils Maria dOlivier Assayas, (ambientato a Zurigo). Il molto gi discusso Saint -Laurent di Bertrand Bonello e Adieu au langage che segna il ritorno a Cannes dellenfant terrible del cinema svizzero e francese sotto bandiera francese , lottantatreenne Jean -Luc Godard e The Search di Michel Hazanivicius reso celebre da The Artist.

Il cinema africano fa una riapparizione al Festival con Tombouctou di Abderrhamane Sissako che racconta la travagliata storia della citt dei 333 santi. Tra i 18 lungometraggi, per ora in competizione, ve ne sono almeno 4 che senzaltro animeranno la Croisette e creeranno discussioni e polemiche: quello di Godard che parla di un cane, quello dellargentino Damian Szifron lungometraggio a sketches surrealisti di ben 3 ore e 16 minuti e Sommeil dhiver del regista turco Nuri Bilge Ceylan anche esso lungo e complesso e poi Leviathan del russo Andrey Zvyagintsev con 2 ore e 20 minuti di proiezione!

La bella sorpresa per il cinema italiano e per quello ticinese data dalla presenza nellarena dei grandi del secondo lungometraggio di Alice Rohrwacher con Le meraviglie (coproduzione italo-svizzero-tedesca, Amka Films Productions di Savosa con la partecipazione di RSI e dellUfficio federale della Cultura). Il Ritorno della 33.enne regista toscana che, nel 2012, aveva incantato Cannes con Corpo celeste (Quinzaine des Ralisateurs) avviene in un lungometraggio narrativo in parte autobiografico. La storia si svolge negli anni 90 nella campagna maremmana e ha al centro la figura di Gelsomina, una lettera damore della figlia al padre.

Accanto ad Alice Rohrwacher, come porta bandiera del cinema italiano, vi anche Asia Argento nella prestigiosa sezione Un Certain Regard con Incompresa. La figlia di Dario Argento conosciuta sulla Croisette dove fu giurata qualche anno fa. Il suo personalissimo lungometraggio era tra i titoli preannunciati da tempo: protagonista di questo dramma certamente anticonvenzionale Charlotte Gainsbourg, anchella idolo di Cannes dove gi vinse come miglior attrice per Antichrist di Lars Von Trier.

La 67.ma edizione si inaugura mercoled 14 maggio con Grace de Monaco dOlivier Dahan ( film fuori concorso) che ha come protagonista Nicole Kidman una delle grandi star delledizione 2014, nel personaggio di Grace Kelly attrice statunitense e principessa di Monaco, affiancata da Tim Roth nelle vesti del Principe Ranieri.

22/04/2014, 08:22

Martine Cristofoli