I Viaggi Di Roby

VIVA IL CINEMA! 6 - A Tours dal 27 febbraio al 3 marzo


In concorso cinque opere prime e seconde. Omaggi a Pupi Avati, Roberto Andò e Mario Martone.


VIVA IL CINEMA! 6 - A Tours dal 27 febbraio al 3 marzo
Viva il Cinema! a Tours (Francia)
Sesta edizione per il Festival di Cinema Italiano di Tours, Viva il Cinema! dal 27 febbraio al 3 marzo 2019, manifestazione organizzata dall'Associazione Viva il Cinema! in collaborazione con la Dante Alighieri, la Cineteca di Tours, l'Università di Tours, e sostenuta dal Comune di Tours, dalla Provincia e dalla Regione Centre-Val-de-Loire e dal Ministero della Cultura. Da quest'anno il direttore artistico è Philippe Vendrix, presidente dell'Università di Tours.

Tanti gli ospiti invitati: Alberto Fasulo, Laura Luchetti, Duccio Chiarini, Emanuele Scaringi, Ciro d'Emilio, Margherita Panizon e Sabrina Iannucci, Daniele De Michele, Silvia Staderoli, Mario Martone, Ippolita Di Majo, Roberto Andò e Pupi Avati.

Cinque i film in concorso, selezionate tra opere prime e seconde di giovani autori italiani, che si contenderanno il Premio della Città di Tours ed il Premio Giiovani del Pubblico. Le opere in competizione sono "Menocchio" di Alberto Fasulo, "Fiore Gemello" di Laura Luchetti, "L'Ospite" di Duccio Chiarini, "La Profezia dell'Armadillo" di Emanuele Scaringi ed "Un giorno all'improvviso" di Ciro d'Emilio.

Il festival presenta cinque film in esclusiva: "Sono Tornato" di Luca Miniero, "Io c'è" di Alessandro Aronadio, "Il Bene Mio" di Pippo Mezzapesa, "Come un Gatto in Tagenziale" di Riccardo Milani e "Due Soldati" di Marco Tullio Giordana.

Tre gli omaggio. Il primo dedicato a Pupi Avati, con la presentazione di "Un Ragazzo d'Oro", "Il Cuore Altrove" ed "Una Sconfinata Giovinezza"; il secondo per Roberto Andò con la proiezione di "Una Storia senza Nome", "Le Confessioni" e "Viva la Libertà"; ed infine l'omaggio a Mario Martone con "Capri - Revolution", "L'Amore Molesto" e "Morte di un Matematico Napolitano".

Presente anche una sezione dedicata ai documentari con le proiezioni di "Non può essere sempre Estate" di Margherita Panizon e Sabrina Iannucci, "Costellazioni" di Luigi Como, "Per chi vuole Sparare" de Pierluca Ditaro, "Il Castello" di Massimo d'Anolfi e Marina Pazienti ed "I Villani" di Daniele de Michele, quest'ultima realizzata in collaborazione con IEHCA (Institut Européen d'Histoire et des Cultures de l'Alimentation) e l'Associazione Slow Food di Tours

In programma anche una conferenza sul tema dell'italianità al feminile all'Università di Tours in presenza di Silvia Staderoli, con proiezione di alcuni brani del ssuo film in lavorazione: "Italiennes".

Infine durante le giornate del festival si potrà ammirare una mostra sull'immigrazione italiana in Francia dal titolo "Ciao Italia", organizzata dal Museo dell'Immigrazione di Parigi.

20/01/2019, 11:16

Simone Pinchiorri