!Xš‚ť‰

Non Moriro' di Fame


Regia: Umberto Spinazzola
Anno di produzione: 2022
Durata: 100'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia/Canada
Produzione: La Sarraz Pictures s.r.l., Megafun
Distributore: La Sarraz Pictures Distribuzione
Data di uscita: 15/02/2023
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Gargiulo&Polici Communication
Titolo originale: Non Moriro' di Fame
Altri titoli: Quello che Non Ho - Di Fame non si Muore

Sinossi: Pier, un ex chef con una stella Michelin, ha perso tutto ed č finito senza casa. Chiamato dalla ex moglie morente,
Pier torna nella sua Torino dove ritrova Anna, la figlia ormai adolescente. Incontrando Granata, un vecchio mendicante, esperto nel sopravvivere con niente, Pier inizia un viaggio che lo aiuta a riconnettersi con il suo amore per la cucina, perso da tempo.

Sito Web: http://

Ambientazione: Torino

Periodo delle riprese: Settembre 2021

"Non Moriro' di Fame" č stato sostenuto da:
MIBACT
Eurimages (Europa Creativa)
Regione Piemonte (POR FESR)
Film Commission Torino Piemonte (Piemonte Film Tv Development Fund)


Note:
LO SPRECO ALIMENTARE
Con l’espressione “spreco alimentare” si intende qualsiasi cibo sano e commestibile che, in ogni fase della catena alimentare, viene sprecato invece di essere destinato al consumo umano.
Una pratica dovuta per lo piů a ragioni economiche o, ancora peggio, “estetiche”. Spesso si tende a gettar via cibo sano e perfettamente commestibile perché “prossimo” alla scadenza.
Un’abitudine, questa, che crea enormi danni da un punto di vista ambientale e non solo. Gli effetti negativi, infatti, ricadono anche sui costi e sui e mancati guadagni per le imprese.
Solo nei 27 paesi dell’Europa si sprecano 179 kg di cibo pro capite all’anno, ossia ogni anno 18 milioni di tonnellate di cibo ancora commestibile viene gettato via.
Solo con il cibo gettato si potrebbero nutrire fino a 3 miliardi di persone. Ecco perché č una tematica presente nell’agenda 2030.
Guardando all’Italia, i dati sono allineati a quelli mondiali. Lo spreco alimentare č generato per il 70% dal consumo domestico e da quello fuori casa, il 20% dalla distribuzione e vendita al dettaglio, il 10% dal comparto agricolo tra post raccolta e trasformazione (dati Crea, 2020).
Per il nostro Paese equivale a 3 miliardi di euro a livello di perdite, mentre 6,5 miliardi di euro sono legati agli sprechi lato consumer. Totale: circa 10 miliardi.
Tendenzialmente, ogni famiglia butta letteralmente nella spazzatura 1.000 euro di cibo all’anno.


Video


Foto