OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby
locandina di "Interdizione Perpetua"

Cast


Soggetto:
Gaetano Di Vaio

Sceneggiatura:
Gaetano Di Vaio

Musiche:
Enzo Gragnaniello

Montaggio:
Alessandra Carchedi

Produttore:
Gaetano Di Vaio
Gianluca Curti

Operatore di camera:
Francesca Amitrano

Operatore di camera:
Luca Manunza

Operatore di camera:
Salvatore Landi

Operatore di camera:
Raffaele Romano

Interdizione Perpetua


Regia: Gaetano Di Vaio
Anno di produzione: 2012
Durata: 70'
Tipologia: documentario
Paese: Italia
Produzione: Figlidelbronx; in collaborazione con Minerva Pictures Group
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: HD
Formato di proiezione: colore, Dvd 16/9, audio 5.1
Ufficio Stampa: Studio Morabito
Vendite Estere: Minerva Pictures/Gruppo Minerva International
Titolo originale: Interdizione Perpetua

Recensioni di :
- Festival Roma - INTERDIZIONE PERPETUA

Sinossi: La negazione dell’accesso, l’impossibilità di partecipare. L’interdizione perpetua è un paradosso. Impossibilità di partecipare alla vita della società. Vite alla periferia di Napoli, come ci saranno in tutte le periferie del mondo, a cui sembra negato l’accesso ai diritti più elementari. Il diritto ad un lavoro, ad un reddito, alla sopravvivenza. Forse come in altre periferie del mondo, a Napoli si cerca di superare le mancanze dello stato con fantasia, reinventandosi un lavoro. Per esempio la raccolta del ferro vecchio. Un lunga notte di ricerca tra i cassonetti dei rifiuti può fruttare anche qualche decina di euro. Ed ecco un altro paradosso. I nostri protagonisti multati, arrestati o privati del mezzo di trasporto per aver commesso quello che si è deciso essere un reato. Una città che non riesce a smaltire i propri rifiuti e punisce chi, senza reddito, ricicla il ferro vecchio con mezzi propri. Paradossi su paradossi. E intanto la condizione di chi è ai margini della società diventa sempre più insostenibile. “Sono partito con la valigia di pelle e sono tornato con quella di cartone”, dice ad un certo punto Peppe. Peppe era un “saponaro” o “piattaro”, ora emigrato, anche lui faceva il rigattiere quando ancora non si rischiava la galera; tra il percorso di chi tenta di riciclare di notte il ferro vecchio e chi insegue i pacchi di aiuti che la Caritas può destinare a poche famiglie, incontriamo le vite e le difficoltà di chi è condannato a perpetua interdizione.

"Interdizione Perpetua" è stato sostenuto da:
Fondazione A.Vo.G


Video


Foto