-D30
I Viaggi di Robi

Lo Sceicco di Castellaneta


Regia: Giuseppe Sansonna
Anno di produzione: 2010
Durata: 51'
Tipologia: documentario
Genere: biografico/storico
Paese: Italia
Produzione: Cortolab Productions
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Titolo originale: Lo Sceicco di Castellaneta

Sinossi: Provincia di Taranto, terra bruciata dal sole e illuminata dal mare. Grandi canyon e paesaggi della mente che si aprono come voragini per un sogno tanto vicino quanto distante nelle possibilit, uno scenario western prima che Hollywood inventasse il West. Le diaboliche mascalzonate adolescenziali, il retaggio avventuroso del brigantaggio, i toni kitsch e perversi del cattolicesimo meridionale. Tutto serve a plasmare la figura eccentrica e affascinante che ne forgi il mito. Un misto di malinconia e tormento, frivolezza e seduzione, che incenerisce imperfezioni e particolarit (lo strabismo di Venere, i matrimoni falliti, la stimolante creazione intellettuale che ne ipotizza una sorta di precursore ante litteram del Neorealismo) grazie ad uno sguardo magnetico. In parallelo all'ascesa del divo Valentino, la via che sprofonda verso il baratro folle di Antonio N., professione matto del paese. Che rivive pellicola per pellicola, sequenza per sequenza, L'aquila nera, Sangue e arena, Il figlio dello sceicco, I quattro cavalieri dell'apocalisse. Le spelonche carsiche diventano brumosa steppa, Versailles muta forma e appare spiaggia dove mangiare seppie crude annaffiate di birra, il vecchio frantoio si trasforma in alcova di piacere e seduzione. Tutto comincia con i tributi che il dopoguerra scudocrociato dedica a Rudy, a partire dalla statua dell'iconoclasta in pectore Luigi Gheno: autore di una scultura orrenda, uno sceicco pop dagli occhi svuotati e assenti. Viene definito come il grande otre che contiene l'olio, il dono pi prezioso. Un mostro ustionato dall'altoforno spietato di Hollywood. Gualtiero Jacopetti ne approfitta e nel 1962 apre Mondo cane con un tango irrefrenabile e le immagini dell'inaugurazione di quest'opera che fanno circolare una galleria di freaks grotteschi e compiaciuti. Impomatati e languidi proprio come Rodolfo, per questo ancor pi incredibili.

Ambientazione: Castellaneta

"Lo Sceicco di Castellaneta" stato sostenuto da:
Apulia Film Commission
Fondazione Rodolfo Valentino


  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto