I Viaggi Di Roby
locandina di "Psychedelic"

Cast

Interpreti:
Massimiliano Rossi (Paul)
Yari Gugliucci (Mario)
Alessandro Haber (Francesco)
Giuseppe Amelio (Ernesto)
Ksenija Martinovic (Padre Carlo)
Pietro De Silva (Vescovo)
Flavio Bucci (Barbiere)
Aida Flix (Suor Clara)
Antonella Bavaro (Sofia)
Anna Malvica (Daria)
Roberto Bocchi (Rabbino)
Brixhilda Shqalsi (Lucilla)
Gaspare Di Stefano (Mik)
Alex Donato (Frate Gaetano)

Soggetto:
Davide Cosco

Sceneggiatura:
Davide Cosco

Musiche:
Frank Fogliano

Montaggio:
Massimo Quaglia

Costumi:
Veronica Iozzi

Scenografia:
Giovanni Bardi

Fotografia:
Enrico Lucidi

Suono:
Luca Cafarelli (Presa Diretta)
Francesco Vallocchia (Montaggio)
Gianni (Giovanni) Pallotto (Mix)
Massimiliano Prezioso (Supervisor Creazione Suoni)

Aiuto regista:
Federica D'Ignoti

Produttore:
Giada Rizzuto
Francesco Cosco

Trucco:
Jenny Zuccaro

Parrucchiere:
Francesco Scaramella

Direttore di Produzione:
Giusi Giardina

Responsabile di Produzione:
Rita Mellace

Coordinatore Post-produzione:
Marco Biancacci

Direttore Artistico:
Francesco Cosco

Coordinatrice di Produzione:
Rachel Greenwood

Psychedelic


Regia: Davide Cosco
Anno di produzione: 2020
Durata: 103'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Milk Pictures
Distributore: Prime Video
Data di uscita: 16/02/2021
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: NCmedia Ufficio Stampa
Titolo originale: Psychedelic

Sinossi: Paul è un attore in crisi, lasciato dalla moglie, contestato dal figlio, stanco di una vita dalla quale non trova risposte ed a cui cerca più volte di porre fine, quale grottesco tentativo di dare a tutti i costi un finale alla sua inconclusa opera teatrale. Attratto dai sentimenti e dall’arte più che dai bisogni ordinari, ha delle continue visioni psichedeliche che rendono complessa la sua quotidianità.
E’ accompagnato nel suo viaggio esistenziale da Mario, l’amico produttore teatrale, ironico e dal cuore dolce. Nella casa, che è anche un vero teatro simbolico, fa presto ritorno Ernesto, il figlio di Paul, un giovane sassofonista ribelle che frequenta una Chiesa aperta agli ultimi, ai diversi, guidata da Padre Carlo, figura alternativa ai crismi ecclesiastici. Padre Carlo, pur nella sua fede profonda, è combattuto dalla doppiezza quasi inevitabile al genere umano. A distanza si muove la vita del padre di Paul e nonno di Ernesto, Francesco, gravemente malato, e ritiratosi in una vecchia casa sul mare. Francesco non parla più con nessuno, se non attraverso i messaggi vocali lasciati negli auricolari di suo nipote. Tutti, in modo differente, cercano di tenere unite queste esistenze frammentate e protese verso una dimensione legata all’immaginazione e alla ricerca di un altrove.

Video


Foto