Festival di Spello
I viaggi di Roby
Sudestival

Cast

Interpreti:
Massimo Poggio (Alberto Segre)
Patrizio Rispo (Preside)
Chiara Bono (Liliana Segre Bambina)
Giulia Roberto (Lia Levi Bambina)
Catello Alfonso Di Vuolo (Tullio Foà Bambino)
Lorenzo Ciamei (Guido Cava Bambino)
Massimiliano Gallo (Commissario Pace)
Valentina Lodovini (Margherita Foa’)
Jesus Emiliano Coltorti (Augusto Cava)
Silvia Cohen (Nonna Olga)
Giuseppe Pestillo (Franco Cava)
Rosa Diletta Rossi (Maria)
Diego Verdegiglio (Nonno Pippo)

Soggetto:
Marco Spagnoli

Sceneggiatura:
Marco Spagnoli
Luca Rossi

Musiche:
Francesco Cerasi

Montaggio:
Marco Guelfi
Jacopo Reale (Collaborazione)

Costumi:
Stefano Giovani

Scenografia:
Nino Formica

Fotografia:
Emanuele Chiari

Suono:
Massimo Pisa

Casting:
Adriana Sabbatini

Aiuto regista:
Alessandro Coccia

Produttore:
Mario Rossini (Red Film)
Giusy Buondonno (Rai)
Gianluca Casagrande (Rai)

Direttore di Produzione:
Alessandro Mancini

Produttore Esecutivo:
Mario Rossini

Figli del Destino


Regia: Francesco Micciché, Marco Spagnoli
Anno di produzione: 2019
Durata: 92'
Tipologia: film-tv
Genere: docufiction/sociale/storico
Paese: Italia
Produzione: Red Film; in collaborazione con Rai Fiction
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: HD, colore
Ufficio Stampa: Reggi & Spizzichino / Rai Fiction
Titolo originale: Figli del Destino

Recensioni di :
- FIGLI DEL DESTINO - I Bambini e le leggi razziali del 1938

Sinossi: Le vite di Liliana, Lia, Tullio e Guido vengono stravolte all’improvviso il 5 settembre del 1938, quando il Re Vittorio Emanuele III firma nella Tenuta di San Rossore a Pisa le Leggi razziali. Da quel momento tutto cambia: per i quattro bambini inizia una
vita fatta di discriminazione e umiliazione, paura e sofferenza. Non possono più
andare a scuola; i loro genitori perdono il lavoro, le famiglie vengono sconvolte. Ma il peggio deve ancora arrivare.
Dopo la firma dell’armistizio, l’8 settembre del 1943, la situazione diventa ancora più complessa, l’Italia si spacca in due.
La parte della penisola che ancora non è stata liberata dagli alleati viene occupata dai nazisti. Mussolini viene liberato e messo a capo della Repubblica di Salò.
Inizia una vera e propria caccia agli ebrei, che vengono considerati nemici e deportati nei campi di concentramento.
Per i quattro protagonisti e le loro famiglie la vita diventa impossibile. Il loro obiettivo è ora quello di nascondersi, fuggire ed evitare la deportazione.
A Napoli, Tullio Foa e sua madre vengono aiutati da un Commmisario di Polizia. A Roma, Lia Levi e sua madre vengono ospitate in un convento, in uno dei tanti istituti religiosi che durante la guerra diedero rifugio agli ebrei. A Pisa, il piccolo Guido Cava, nascosto in campagna insieme al padre e colpito dalla polmonite, viene salvato da un medico fascista che, pur sapendo i Cava ebrei, rischia la propria vita per curarlo. A Milano per Liliana il destino è più crudele. Lei e suo padre, arrestati mentre cercano di fuggire in Svizzera, vengono deportati. Separata dal genitore, Liliana riesce a sopravvivere da sola nel campo di concentramento di Auschwitz e alla “marcia della morte”.

Ambientazione: Napoli / Roma / Milano / Pisa

Video


Foto