I viaggi di Roby
locandina di "Nati Stanchi"

Cast

Interpreti:
Salvatore Ficarra (Salvo)
Valentino Picone (Valentino)
Marica Coco (Sandra)
Stefania Bonafede (Loredana)
Costantino Carrozza (Commendatore di Fatta)
Gilberto Idonea (Padre di Valentino)
Dario D'Ambrosi (Commissario)
Luigi Maria Burruano (Don Ciccio)
Gino Carista (Gino Passalacqua)
Marcelo Mordino (Romeo)
Massimo Olcese (Controllore Metro)
Paola Abruzzo (Madre di Salvo)
Gino Astorina (Candidato Sindaco)
Vittorio Cassarà (Tony)
Giacomo Civiletti (Cliente del Barbiere)
Vincenzo Ferrera (Amico)
Paolo Mannina (Amico)
Giovanni Nanfa (Avvocato Pisauro)
Leandro Parlavecchio (Padre di Salvo)
Marcello Perracchio (Don Renzino)
Aurora Quattrocchi (Madre di Valentino)
Roberto Salemi (Amico)
Caterina Salemi (Rosina Passalacqua)

Soggetto:
Salvatore Ficarra
Valentino Picone

Sceneggiatura:
Giambattista Avellino
Salvatore Ficarra
Valentino Picone
Francesco Bruni

Musiche:
Lello Analfino
I Tinturia

Montaggio:
Alessio Doglione

Costumi:
Stefano Giovani

Scenografia:
Manuel Giliberti

Fotografia:
Roberto Forza

Suono:
Candido Raini
Andrea Lancia

Aiuto regista:
Federico Marsicano

Produttore:
Marco Poccioni
Marco Valsania

Make-up:
Simona Castaldi

Nati Stanchi


Regia: Dominick Tambasco
Anno di produzione: 2001
Durata: 92’
Tipologia: lungometraggio
Genere: commedia
Paese: Italia
Produzione: Rodeo Drive, Rai Cinema
Distributore: 01 Distribution
Data di uscita: 01/03/2002
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: 01 Ufficio Stampa / Viviana Ronzitti
Titolo originale: Nati Stanchi

Sinossi: Salvo e Valentino sono due giovani siciliani che tentano in tutti i modi di ritardare l'ingresso nel mondo del lavoro. Il loro mondo è circoscritto fra la piazza del paese in cui vivono, le loro fidanzate ed i concorsi che vanno a sostenere in giro per l'Italia, nel peggior modo possibile per poter giustificare il loro status di disoccupati e ritardare il più a lungo il matrimonio. Il loro perfetto meccanismo si inceppa, però, quando entrambi ricevono una forte raccomandazione per un concorso a Milano. Dopo l'arrivo delle lettere di assunzione, l'unico modo per ritardare l'inevitabile è quello di bruciare, nottetempo, gli archivi anagrafici del comune.

Ambientazione: Palazzolo Acireale (CT) / Roma / Milano

Video


Foto