I viaggi di Roby
locandina di "Vento di Soave"

Vento di Soave


Regia: Corrado Punzi
Anno di produzione: 2017
Durata: 77'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: Fluid Produzioni, Muud
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Studio Morabito
Titolo originale: Vento di Soave

Recensioni di :
- TFF35 - VENTO DI SOAVE, non proprio il futuro immaginato

Sinossi: Come si vive in una città del sud Italia, a pochi metri da una centrale a carbone e da un petrolchimico tra i più grandi d’Europa? Cos’è rimasto delle iniziali promesse di progresso? Due agricoltori che vivono e lavorano sotto le centrali e un sub ambientalista dal profilo contradittorio, cercano di dimostrare i danni economici e sanitari subiti dalle industrie. Eppure, l’addetto stampa della Centrale, racconta una realtà diametralmente opposta. Così, mentre la città assiste agli eventi culturali e sportivi finanziati dalle industrie, la verità e la giustizia sembrano rimanere sospese e indecifrabili, come in un processo kafkiano.

Ambientazione: Brindisi

"Vento di Soave" è stato sostenuto da:
Apulia Film Commission (Regional Film Fund)
Asl Brindisi
Arci Lecce
Unione dei Comuni di Andrano, Diso e Spongano
Comune di Trepuzzi


Note:
DATI AMBIENTALI E SANITARI
Dal 1997 Brindisi è classicata come “Area ad Alto Rischio Ambientale” e attende la bonifica di oltre 5.800 ettari di terra e 5.600 di mare.
Nel 2013 uno studio del CNR e di alcuni medici dell’ospedale di Brindisi dimostra che le malformazioni cardiache neonatali sono il 68% più alte della media europea.
Nel 2017 la Regione Puglia pubblica il primo rapporto epidemiologico sul territorio brindisino: gli inquinanti delle Centrali sono associati all’aumento esponenziale dei tumori, delle leucemie, delle malformazioni congenite e delle malattie cardiovascolari e respiratorie.


  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto