I viaggi di Roby

Diabolik sono Io


Regia: Giancarlo Soldi
Anno di produzione: 2019
Durata: 75'
Tipologia: documentario
Genere: arte/docufiction/sociale
Paese: Italia
Produzione: Anthos, Rai Cinema; in collaborazione con Astorina
Distributore: Nexo
Data di uscita: 11/03/2019
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Ufficio Stampa Nexo Digital / Mycom Factory
Titolo originale: Diabolik sono Io

Recensioni di :
- DIABOLIK SONO IO - In sala con Nexo 11-12-13 marzo

Sinossi: notte. Un uomo vaga per le strade di una metropoli senza nome. Neanche lui ricorda il suo nome, come se la tua testa fosse sospesa in un limbo senza passato. Si nasconde, ha paura, mentre sogni ricorrenti lo tormentano.
Mano a mano i tasselli della sua storia, proprio come fossero le tavole di un fumetto, sembrano ricomporsi, dare vita a una nuova storia, la sua. O forse quella di qualcun altro?
Diabolik sono io ricostruisce a met tra realt e finzione la misteriosa vicenda della scomparsa del disegnatore del primo albo di Diabolik, ANGELO ZARCONE. Soprannominato il tedesco per la carnagione chiara e i capelli biondi, di lui si sa soltanto che dopo aver consegnato alla redazione Astorina le tavole de Il Re del Terrore, il primo numero di Diabolik pubblicato nel lontano novembre del 1962, spar senza lasciare recapiti. Sembrava essersi volatilizzato. Nel 1982, in occasione del ventennale della testata, Angela e Luciana assoldarono persino il famoso investigatore Tom Ponzi per ritrovare Zarcone, ma il misterioso disegnatore si era come dissolto nel nulla.
Un uomo in fuga, un latitante, unombra nera che si aggira nella notte, cosa succederebbe se quel disegnatore si trovasse a cercare se stesso? Chi troverebbe? Angelo Zarcone oppure Diabolik?
Partendo da questo spunto, il documentario immagina di tratteggiare un identikit quanto pi accurato del Re del Terrore, avvalendosi di una galleria di testimoni dellOlimpo del fumetto, Milo Manara, Mario Gomboli, Alfredo Castelli, Tito Faraci, Gianni Bono, Giuseppe Palumbo, di esperti del noir come Carlo Lucarelli e Andrea Carlo Cappi, di registi visionari come i Manetti bros., del costumista Massimo Cantini Parrini oltre che della partecipazione straordinaria di Stefania Casini nei panni dellavvocato Bianca Rosselli. Anche se a fare da fil rouge della narrazione saranno ancora una volta loro, le Sorelle Giussani, grazie a unintervista senza tempo riemersa dalle Teche Rai, un materiale preziosissimo, che insieme ai Super8 ritrovati dei viaggi di Angela e Luciana attorno al mondo, alle tavole storiche dellarchivio Astorina e agli omaggi disegnati dal vivo da Giuseppe Palumbo, contribuiranno a dare vita a un ritratto mai visto prima delleroe del fumetto.

"Diabolik sono Io" stato sostenuto da:
MIBACT


Note:
I PROTAGONISTI

Le Sorelle Diabolike: Angela Giussani, ideatrice del famoso personaggio dei fumetti Diabolik il primo fumetto nero italiano formato tascabile venne successivamente affiancata nella stesura delle storie dalla sorella Luciana Giussani; entrambe vi hanno poi dedicato tutta la loro vita professionale.

Mario Gomboli: da ventanni il responsabile assoluto di Diabolik: editore, direttore responsabile e curatore dei soggetti. Luomo che conosce tutte le 850 storie realizzate. Il vero erede delle sorelle Giussani.

Gianni Bono: giornalista e editore delle Edizioni IF, stato anche caporedattore di Topolino assumendone per un periodo la direzione. Ma soprattutto autorevole storico e critico del mondo della nona arte, ideatore della Guida al Fumetto Italiano e creatore del Museo del Fumetto di Lucca.

Andrea Carlo Cappi: collaboratore di Segretissimo Mondadori. Ha scritto romanzi e racconti originali con protagonisti personaggi del fumetto italiani e, cosa per noi interessante, quattro romanzi con Diabolik ed Eva Kant. Ha scritto inoltre racconti ispirati al personaggio di Fantomas.

Stefania Casini: attrice, sceneggiatrice, regista e produttrice. Ha lavorato con grandi registi da Germi a Bertolucci (Novecento), Dario Argento (Suspiria) Peter Greenaway (Il ventre dellArchitetto), Paul Morissey (Bload for Dracula) e Andy Warhol Bad. Si dedicata ai documentari a carattere sociale firmando svariate serie per la Rai. Produttrice e regista ha realizzato la VR LOST MEMORIES. Docente al workshop organizzato dallAssociazione Nazionale della Stampa e Cineteca di Bologna sul Documentario Interattivo, ha prodotto il documentario Cercando Valentina. Il mondo di Guido Crepax diretto da Soldi e sta realizzando la VR Mare Nostrum. LINCUBO. Vice presidente di Doc/it, Amministratore Unico di BizefProduzione.

Alfredo Castelli: lavora da cinquantanni nel mondo del fumetto, ha visto questo mondo trasformarsi e ha contribuito a trasformarlo. Lo ha fatto scrivendo di tutto, dalle storie per Diabolik e Zagor, a quelle di Walt Disney, mescolando il suo stile con la cultura pop, di cui sempre stato un grande appassionato, crea nel 1982 il personaggio di Martin Mystre, tuttora in edicola. lo storico pi accreditato del fumetto europeo.

Tito Faraci: uno dei pi noti sceneggiatori italiani di fumetti. Ha scritto per Topolino, Dylan Dog, Tex e, soprattutto, Diabolik. stato tra i primi autori italiani a firmare storie di personaggi Marvel: Spider-Man, Capitan America e Devil. Recentemente diventato curatore della collana Feltrinelli Comics.

Carlo Lucarelli: scrittore, regista, sceneggiatore, conduttore televisivo e giornalista italiano. Oltre ai romanzi si occupato di molteplici attivit: per la televisione numerose serie tra le quali ricordiamo LIspettore Coliandro e La Porta Rossa e per il fumetto ha firmato il soggetto del n.153 di Dylan Dog, La strada verso il nulla.

Milo Manara: il fumettista italiano pi conosciuto al mondo per il fascino sensuale delle sue tavole. uno dei pi celebri fumettisti italiani del dopoguerra. Disegnatore dal tratto raffinato, ha saputo creare un mondo onirico popolato di ragazze bellissime e impossibili, talmente affascinanti ed eteree da essere totalmente irreali.

Marco Manetti e Antonio Manetti generalmente noti come i Manetti bros., sono due registi, sceneggiatori, produttori cinematografici e direttori della fotografia italiani, famosi per le loro commedie musicali, inoltre vincitori del David di Donatello per il miglior film 2018 per Ammore e malavita. Appassionati di fumetti da una vita.

Giuseppe Palumbo: disegnatore. Nel 2001 ricostruisce, con la sceneggiatura di Alfredo Castelli, il numero uno di Diabolik, che viene pubblicato dalla Astorina, nel 2002, nel volume cartonato: Il Re del Terrore: il remake. Nel 2013 riceve il premio miglior disegnatore a Lucca Comics.

Luciano Scarpa: attore. Lavora da circa venti anni in teatro, cinema e televisione. Nei suoi ultimi lavori stato diretto a teatro da Pierfrancesco Favino (Servo per due 2016), Luca Zingaretti (The Deep Blue Sea 2018) e Ferdinando Bruni (Mr Puntila 2018), nella serie tv BABY prodotta da Netflix nel 2018 per la regia di Andrea De Sica, al cinema nel 2016 ha partecipato al film di Massimiliano Bruno BEATA IGNORANZA e prossimamente sar nel film di Emiliano Corapi LAMORE A DOMICILIO e ne IL MIO CORPO VI SEPPELLIRA per la regia di Giovanni La Prola.

Claudia Stecher: attrice. Ha lavorato per il cinema (La natura degli angeli per la regia Joseph Lefevre) e la tv (Il silenzio dellacqua, Una pallottola nel cuore 3). Ha preso parte a diversi cortometraggi e partecipato alla campagna di Emergency 2019.

DIABOLIK: IL RE DEL TERRORE
Diabolik il personaggio creato da Angela e Luciana Giussani e protagonista dell'omonima testata pubblicata dalla casa editrice milanese Astorina. Il fumetto dedicato a Il Re del Terrore, dal nome del primissimo albo, raggiunse in breve tempo altissime tirature diventando un fenomeno di costume studiato da sociologi ed esperti di comunicazione. Il formato degli albi di Diabolik, di piccola dimensione per poter essere tascabili (11,5 x 16,9 cm), venne ideato per venire incontro alle esigenze dei pendolari che Angela Giussani osservava ogni mattina dalla finestra di casa sua nelle vicinanze della stazione Cadorna, a Milano. Precursore del genere del fumetto nero italiano, ha generato a partire dal 1964 numerosi epigoni, sempre pubblicati nel caratteristico formato di libretto tascabile. Diabolik viene da allora edito senza interruzioni e ha superato dalla sua nascita gli 850 numeri pubblicati; i primi numeri della serie hanno raggiunto elevate quotazioni di mercato nel collezionismo. Il protagonista del fumetto ha poi avuto una trasposizione cinematografica nel 1968, diretta dal regista Mario Bava, una serie animata e un vasto merchandising.
Dalla sua nascita ad oggi Diabolik ha venduto quasi 150 milioni di copie. Oggi, a pi di 50 anni dalluscita del primo albo, Diabolik conta oltre 3 milioni e mezzo di copie distribuite allanno, che comprendono 12 albi inediti, 12 della collana della prima ristampa, 12 della collana Swiisss e 2 albi speciali inediti Il Grande Diabolik.


Video


Foto