CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di "Maledetta Primavera"

Cast

Interpreti:
Emma Fasano (Nina)
Micaela Ramazzotti (Laura)
Giampaolo Morelli (Enzo)
Federico Ielapi (Lorenzo)
Manon Bresch (Sirley)
Orietta Notari (Suor Caterina)
Clara Galante (Suor Maria)
Sara Franchetti (Nonna Adriana)
Massimo Cagnina (Cicala)
Eliana Miglio (Alba)
Fabrizia Sacchi (Madre Sirley)
Claudio Bigagli (Prete)

Soggetto:
Elisa Amoruso

Sceneggiatura:
Elisa Amoruso
Paola Livia Randi
Eleonora Cimpanelli

Musiche:
Riccardo Sinigallia

Montaggio:
Chiara Griziotti

Costumi:
Gaia Calderone

Scenografia:
Giada Esposito

Effetti:
David Quadroli

Fotografia:
Martina Cocco

Suono:
Gianluca Scarlata (presa diretta)
Alessandro Feletti (montaggio presa diretta)
Francesco Tumminello (Fonico di mix)

Casting:
Antonio Rotundi

Aiuto regista:
Gianluca Mazzella

Produttore:
Angelo Barbagallo
Matilde Barbagallo

Organizzazione generale:
Maria Panicucci

Direttore di produzione:
Fabrizio Colucci

Maledetta Primavera


Regia: Elisa Amoruso (opera prima)
Anno di produzione: 2020
Durata: 94'
Tipologia: lungometraggio
Paese: Italia/Francia
Produzione: Bibi Film TV, Agat Films & Cie; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: B.I.M. Distribuzione
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Ufficio Stampa BIM / Viviana Ronzitti / Quattrozeroquattro
Vendite Estere: Fandango Portobello
Titolo originale: Maledetta Primavera
Altri titoli: La Dea delle Acque Calme

Recensioni di :
- FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - "Maledetta Primavera"

Sinossi: È il 1989. Nina ha undici anni e una famiglia incasinata, il padre e la madre litigano sempre, Lorenzo ‐ suo fratello minore ‐, quando si arrabbia, diventa un pericolo. Dal centro di Roma si ritrova catapultata in un quartiere di periferia, fatto di palazzoni, ragazzi sui motorini e prati bruciati. Anche la scuola è diversa, non ci sono le maestre ma le suore, non ha neanche un amico. Ma un incontro improvviso stravolge tutto, come una tempesta: ha tredici anni, abita nel palazzo di fronte, è mulatta e balla la lambada. Il suo nome è Sirley, viene dalla Guyana francese, in Sud‐America, e ha un sogno ambizioso: interpretare la Madonna nella processione di quartiere. Sirley è una creatura strana, con un passato difficile, piena di fascino e di mistero. Non le importa delle regole, non ha paura di nessuno, e l’unico modo che ha per interagire con le persone è quello di aggredirle o di sedurle. Nina ne è attratta e spaventata, eppure Sirley fa qualcosa che nessuno finora ha fatto davvero: le dà attenzione e a modo suo, la fa sentire speciale.

La coinvolge in un mondo nuovo, e rapidamente quest’amicizia così anomala la assorbe totalmente.

"Maledetta Primavera£ è il racconto di come il desiderio plasma e trasforma l’infanzia in adolescenza. Una storia di crescita e di solitudini. Una storia d’amore vista con gli occhi di una bambina che cerca il suo posto nel mondo.

Ambientazione: Roma

"Maledetta Primavera" è stato sostenuto da:
Regione Lazio (Lazio Cinema International)
MIBACT
Unione Europea
IMAIE


Video


Foto