!Xš‚‰

BIF&ST 15 - Presentato il programma


Il festival di Bari è in programma dal 16 al 23 marzo 2024.


BIF&ST 15 - Presentato il programma
Si svolgerà da sabato 16 a sabato 23 marzo 2024 la 15.a edizione del Bif&st - Bari International Film&tv Festival, posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, promosso e finanziato dalla Regione Puglia attraverso Puglia Promozione, prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission e diretto dal suo ideatore Felice Laudadio. Il Bif&st si avvale anche del sostegno della Direzione generale cinema e audiovisivo del Ministero della Cultura, del Comune di Bari e di alcuni sponsor privati che saranno noti più avanti.

Il programma prevede oltre 130 eventi negli 8 giorni fra proiezioni, lezioni di cinema, incontri, conferenze, tributo a Marco Bellocchio, con la partecipazione di 18 film stranieri provenienti da una quindicina di Paesi di tutto il mondo e di altre decine di film di produzione italiana che saranno presentati nei Teatri Petruzzelli, Piccinni e Kursaal mentre il Teatro Margherita ospiterà laboratori, conferenze stampa, incontri su cinema e libri.

TEATRO PETRUZZELLI

Sono in programma 8 film nella sezione non competitiva “Anteprime internazionali” tutti (tranne uno) in anteprima italiana assoluta come i 12 film selezionati per la sezione competitiva “Panorama internazionale”.

Anteprime internazionali
La direzione artistica del Bif&st è stata investita da una imprevista valanga di film internazionali che si sono candidati entro la data limite del 15 gennaio. La commissione di selezione non ha ancora finito di vederli tutti per scegliere fra loro gli ultimi due film da inserire in questa sezione. Saranno annunciati più avanti al termine dei lavori.
Due formidabili attrici, Natalie Portman e Julianne Moore, sono le protagoniste di "May December" di Todd Haynes (distribuito da Lucky Red) basato sulla sceneggiatura di Samy Burch candidata all’Oscar: è una delle ragioni – insieme alle eccelse interpretazioni di Portman e Moore e al talento del regista - per le quali lo abbiamo prescelto per la serata inaugurale del 16 marzo. La regista danese Lone Scherfig è l’autrice di "La contadora de peliculas", film franco-spagnolo-cileno, con protagonista Bérénice Bejo accanto a Daniel Brühl (18 marzo). In concorso al prossimo festival di Berlino, il 19 marzo avrà la sua prima italiana "Another End" di Piero Messina con Gael García Bernal e, anche questo, con Bérénice Bejo (Indigo Film/01 Distribution). "Une affaire d’honneur" con Roschdy Zem e Doria Tillier è il film più recente diretto da Vincent Perez e da lui interpretato, in programma nella serata del 20. Abbiamo invitato Perez – cui sarà conferito il Federico Fellini Award for Cinematic Excellence e che sarà accompagnato dalla sua cosceneggiatrice – a tenere una masterclass dopo la proiezione di un altro potente film da lui diretto, "Lettere da Berlino", interpretato dal premio Oscar Emma Thompson e da Brendan Gleeson e Daniel Brühl.
Il 22 toccherà a due mostri sacri del cinema britannico, vincitori ciascuno di due Premi Oscar - Michael Caine e la grande attrice Glenda Jackson recentemente scomparsa - far rivivere sullo schermo l’appassionante vicenda narrata in "The Great Escaper" di Oliver Parker (Lucky Red). Gran finale in musica, il 23, con l’intrigante opera prima di una figlia d’arte, Margherita Vicario (nipote dell’attrice Rossana Podestà e del regista Marco Vicario), autrice di un film di sorprendente maturità registica, "Gloria!", con Galatea Bellugi, Carlotta Gamba, Elio e Paolo Rossi, secondo film italiano prescelto in concorso dalla Berlinale (Tempesta/Rai Cinema/01 Distribution).

Panorama internazionale
La giuria composta dai critici Maurizio Porro (presidente), Fabio Ferzetti e Federico Pontiggia, dalla produttrice Elisabetta Olmi e dall’attrice Iris Peynado attribuirà tre riconoscimenti al miglior regista, alla migliore attrice e al miglior attore protagonisti prescelti fra i 12 film del “Panorama internazionale”. Il 17 marzo: "Je verrai toujours vos visages" di Jeanne Herry con Leïla Bekhti, Élodie Bouchez e Miou-Miou (Francia) e Retour en Alexandrie di Tamer Ruggli con Fanny Ardant e Nadine Labaki (Francia/Svizzera/Egitto).Il 18: "Gondola" di Veit Helmer (Germania/Georgia) e "Sous le tapis" di Camille Japy con Ariane Ascaride e Bérénice Bejo (Francia). Il 19: "Calladita" di Miguel Faus presentato da Steven Soderbergh, con Ariadna Gil (Spagna) e "The G" di Karl R. Hearne con Dale Dickey (Canada). Il 20: "Body Odyssey" di Grazia Tricarico, penultimo film interpretato da Julian Sands prima della sua tragica scomparsa (Italia/Svizzera) e "Natasha’s Dance" di Jos Stelling (Paesi Bassi/Germania). Il 21: "El salto" di Benito Zambrano (Spagna/Francia) e "Baltimore" di Christine Molloy e Joe Lawlor (Irlanda/Gran Bretagna).
Infine il 22: "La tartaruga" di Fabrizio Nardocci con Nello Mascia, Antonello Fassari e Anna Ferruzzo (Italia) e "Stella. Ein leben" di Kilian Riedhof (Germania/Austria) con Paula Beer, una delle più popolari giovani attrici tedesche in grande ascesa professionale. Quasi tutti i registi selezionati accompagneranno i loro film al Bif&st.

ItaliaFilmFest/The Best of the Year
Il Teatro Petruzzelli ospiterà anche le proiezioni dei film della sezione ItaliaFilmFest/The Best of the Year vincitori dei riconoscimenti - assegnati dalla giuria dei critici del Bif&st - che verranno conferiti nelle serate di gala. Saranno Sergio Rubini, vincitore del premio Alberto Sordi per il miglior attore non protagonista, e Luca Bigazzi, premio Giuseppe Rotunno per il miglior autore della fotografia per "Felicità" di Micaela Ramazzotti ad inaugurare il 16 marzo gli Incontri del mattino al Petruzzelli con pubblico e stampa dopo la proiezione del loro film. Verranno poi presentati, un giorno dopo l’altro, "Io capitano" di Matteo Garrone, vincitore del premio Mario Monicelli per il miglior regista e del Fellini Award for Cinematic Excellence, che al termine della proiezione di domenica 17 marzo ne discuterà con pubblico e stampa insieme a Andrea Farri, premio Ennio Morricone per le musiche del film. Seguirà "C’è ancora domani" di Paola Cortellesi, vincitrice del premio Ettore Scola per la regista rivelazione da lei graditissimo, che se riuscirà a trovare un giorno libero nella pazzesca tournée - che la sta impegnando ancora per mesi in tutta Europa per presentare il suo film - ne discuterà con Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa, vincitori del premio Franco Cristaldi per il miglior produttore, e con Alberto Moretti, premio Piero Tosi per i costumi. Giorgio Diritti e il suo co-sceneggiatore Fredo Valla, vincitori del premio Furio Scarpelli per la migliore sceneggiatura, interverranno dopo la proiezione di "Lubo" con la regia di Diritti. Migliori montatori, e dunque Premio Roberto Perpignani per Francesca Calvelli e Stefano Mariotti per Rapito di Marco Bellocchio che verrà presentato nel corso del tributo dedicato al grande regista. La migliore attrice non protagonista insignita del premio Alida Valli che interverrà dopo la proiezione di "Il sol dell’avvenire" di Nanni Moretti è Barbora Bobulova. E infine i due attori protagonisti: Alba Rohrwacher, premio Anna Magnani per "Mi fanno male" i capelli di Roberta Torre (22 marzo) e Pierfrancesco Favino, premio Vittorio Gassman per "Comandante" di Edoardo De Angelis (23) che colloquieranno con pubblico e stampa dopo la proiezione dei loro film.

TEATRO PICCINNI

ItaliaFilmFest/Nuovo cinema italiano
Sono 8 i film in anteprima mondiale (tranne uno in anteprima nazionale), selezionati fra molte decine di film italiani, che saranno valutati da una giuria del pubblico composta da 24 spettatori e presieduta da Donatella Palermo (produttrice fra gli altri di Tano da morire e Le favolose di Roberta Torre, Lettere dal Sahara di Vittorio De Seta, Le ombre rosse di Francesco Maselli, Maraviglioso Boccaccio di Paolo e Vittorio Taviani, Fuocoammare e Notturno di Gianfranco Rosi, Leonora addio di Paolo Taviani e Didi di Edoardo Winspeare, in lavorazione).
Questi i titoli in concorso programmati alle 18.30 con replica il giorno successivo: "La seconda vita" di Vito Palmieri con Marianna Fontana; "Zamora" di Neri Marcorè con Alberto Paradossi, Marta Gastini e lo stesso Marcorè; "La casa di Ninetta" scritto e diretto da Lina Sastri che lo interpreta con Maria Pia Calzone e Angela Pagano; "Sottocoperta" di Simona Cocozza con Antonio Folletto e Maria Pia Calzone; "Gli agnelli possono pascolare in pace" di Beppe Cino con Maria Grazia Cucinotta e Massimo Venturiello; "Lola Blue" di Eleonora Grilli con Cinzia Cordella; "Animali randagi" di Maria Tilli con Giacomo Ferrara, Andrea Lattanzi, Ivan Franek e Agnese Claisse; e infine "Il mio posto è qui" di Cristiano Bortone e Daniela Porto con Ludovica Martino e Marco Leonardi.

ItaliaFilmFest/Doc
In questa sezione non competitiva verranno presentati in anteprima assoluta questi 9 documentari: "Kalavría" di Cristina Mantis; "Pretendo l’inferno" di Eugenio Ercolani (su Luc Merenda); "Flora" di Martina De Polo; "C’era una volta il Derby Club" di Marco Spagnoli; "Eleonora Abbagnato. Una stella che danza" di Irish Braschi; "La canzone di Aida" di Giovanni Princigalli, dall’autore dedicato al grande sociologo Franco Cassano; "E tu slegalo" di Maurizio Sciarra (su Franco Basaglia); "Approdi" di Lorenzo Scaraggi; "Pattini e Acciaio" di Rossella De Venuto. Sono previsti anche due cortometraggi: "Coupon. Il film della felicità" di Agostino Ferrente e "Holocauste" di Giovanni Princigalli.

Cinema&Scienza. Polvere di stelle
In quest’ormai da anni consolidata sezione del Bif&st curata da Orsetta Gregoretti e Silvia Mattoni verranno ospitati sei incontri mattutini (dal 18 al 23 marzo) che faranno seguito alle proiezioni di altrettanti film e documentari. Incontri dedicati, in particolare ma non solo, agli allievi delle scuole medie superiori e agli studenti dell’Università Aldo Moro e del Politecnico di Bari. Ogni giornata avrà un focus tematico. Si comincerà il 18 marzo con Iride e i suoi fratelli con la partecipazione di Giovanni Sylos-Labini, CEO di Planetek Italia, moderatore Marco Spagnoli. Il 17 si parlerà di Orti marziani con lo scienziato Alberto Battistelli, dirigente di ricerca del CNR, e con il giornalista scientifico Lorenzo Pinna, autore di Superquark, che il giorno successivo sarà impegnato a discutere con lo scienziato Ettore Perozzi, senior scientist dell’Agenzia spaziale italiana, di Detriti spaziali. Il 21 marzo toccherà all’astrofisico e divulgatore scientifico Gianluca Masi occuparsi della Scienza del cielo dopo la proiezione del film "Galileo" di Liliana Cavani. Stelle e comete è il tema che verrà
affrontato il 22 marzo dalla scienziata Marcella Marconi, dirigente di ricerca dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte (Inaf) e il giorno successivo (23 marzo) si parlerà dell’affascinante tema "La luna" con altri scienziati e divulgatori scientifici.

TEATRO KURSAAL SANTALUCIA

La storia, la memoria. Tributo a Marco Bellocchio
Sono 16 i film prescelti fra i suoi dal grande regista Marco Bellocchio che verranno presentati, due al giorno, al Teatro Kursaal dal 16 al 23 marzo. Fra un film e l’altro Bellocchio – affiancato dal critico Enrico Magrelli – interverrà per raccontare al pubblico il suo lavoro di sceneggiatore, regista, produttore ripercorrendo i film in programma che sono: "I pugni in tasca" (1965), "La Cina è vicina" (1967), "Nel nome del padre" (1972), "Matti da slegare" (1975), "Il gabbiano" (1977), "Salto nel vuoto" (1980), "Enrico IV" (1984), "Diavolo in corpo" (1986), "L’ora di religione" (2002), "Buongiorno notte" (2003), "Vincere" (2009), "Sorelle mai" (2010), "Marx può aspettare" (2021), "Sangue del mio sangue" (2015), "Il traditore" (2019), "Rapito" (2023).
Ne discuteranno con Bellocchio varie personalità del cinema e della cultura.

EVENTI SPECIALI

Due gli eventi speciali ospitati dal Petruzzelli: in onore dello storico presidente del Bif&st, Ettore Scola, vi sarà la presentazione del documentario di Cinzia Lo Fazio "Tutte le cose che restano. Lo Studio E. L. a Cinecittà", dove E. sta per Ettore e L. per il suo storico scenografo Luciano (Ricceri); e il doc "Il ritorno di Maciste" di Maurizio Sciarra, ex presidente della Fondazione Apulia Film Commission, con Giuseppe Abbagnale e Steve Della Casa.

Tre gli eventi speciali previsti al Piccinni: "N.E.E.T." di Andrea Biglione con, fra gli altri, Caterina Murino, Fabrizio Biggio, Pietro de Silva e Mietta sulla reintroduzione proposta dal governo della leva obbligatoria per un milione di giovani under30 che non studiano, non lavorano e non cercano lavoro; "Bangarang" di Giulio Mastromauro girato fra i bambini di Taranto che ospita dagli anni Sessanta la più grande acciaieria d’Europa che ora rischia la chiusura; e in anteprima mondiale "W Wolinski" di Mauro Cappelloni, una commedia satirica ma soprattutto un omaggio a George Wolinski, forse il più noto dei disegnatori satirici uccisi nell'attentato compiuto nel 2015 nella redazione parigina di “Charlie Hebdo”.

Un altro evento speciale in anteprima mondiale, programmato al Teatro Kursaal nella serata del 16 marzo, è "Stolen Moments" di Stefano Landini, una docufiction con Pupi Avati e con veri attori e finte interviste che raccontano Sabino, giovane pugliese amante del jazz che apre a Torino un jazz club, lo "Stolen Moments", in un capannone destinato alle famiglie degli emigrati del Sud.

Infine il Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari organizzerà presso l’Auditorium Nino Rota, nella serata del 20 marzo, un concerto gratuito dedicato specificatamente ad una selezione di colonne sonore per il cinema, concerto in cui suoneranno gli studenti del Conservatorio. Questo evento si svolgerà in collaborazione con il Comune di Bari che con l’assessora alla Cultura Ines Pierucci sta lavorando all’organizzazione del grande evento Fuori Bif&st diffuso in tutta la città, il cui programma sarà presentato appena pronto nei dettagli e nelle tematiche affrontate.

TEATRO MARGHERITA
Il celebre teatro che si erge sulle palafitte in mare ospiterà come sempre le conferenze stampa relative a tutti i film in programma che si terranno ogni giorno dalle 13 in avanti.
Sarà anche la sede per la tradizionale presentazione dei libri dedicati al cinema con la presenza degli autori.
Il Teatro Margherita ospiterà inoltre il laboratorio a numero chiuso dedicato quest’anno alla scrittura per il cinema condotto dalla sceneggiatrice Silvia Napolitano, docente presso la Scuola Nazionale di Cinema del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Il programma del Bif&st 2024 è stato predisposto e realizzato da Felice Laudadio, Enrico Magrelli, Giuliana La Volpe, Patrizia Prosperi, Orsetta Gregoretti, Silvia Mattoni, Marco Spagnoli, David Grieco, Maurizio Di Rienzo, Francesca Turrisi da Roma. E da Angelo Ceglie, Angela Bianca Saponari e Alessandra Rizzi da Bari.

03/02/2024, 14:22